ABS | Come lo si può lavorare con la stampante 3D?

L’ABS (Acrilonitrile-Butadiene-Stirene) è un polimero termoplastico che viene utilizzato comunemente nella stampa 3D, anche se negli ultimi anni sono comparsi altri materiali che offrono simili performance. Le caratteristiche più importanti degli oggetti stampati con questo materiale sono:

  • Leggerezza;
  • Rigidità;
  • Facilità nel lisciare il pezzo (con l’utilizzo dei vapori di acetone).

L’ABS ha anche un ottima resistenza termica (intorno agli 85°C senza deformarsi) e una buona resistenza agli acidi cloridrici. Tuttavia, subisce gli attacchi di acidi solforici e nitrici, e non ha una buona resistenza agli agenti atmosferici.

Alcune caratteristiche chimico-fisiche

Vediamo le caratteristiche chimico-fisiche di questo materiale:

Densità1,07 g/cm^3
Punto di fusione165°C
Temperatura di rammollimento110°C
Temperatura di degradazione300°C
Viscosità relativa*

La stampa può generare fumi di ABS, che possono creare problemi alle vie respiratorie è l’inalazione viene prolungata nel tempo. E’ consigliabile utilizzare una stampante a camera chiusa, cappe di aspirazione e un luogo ben areato.

Principali utilizzi nella stampa 3D

L’ABS nella stampa 3D viene utilizzato per produrre pezzi soggetti a sollecitazioni meccaniche e termiche. Questo materiale viene utilizzato sopratutto nella produzione di prototipi, perché è resistente e bello da vedere dopo l’utilizzo dei vapori di acetone.

Parametri utilizzati

Ci teniamo a precisare che ogni filamento può avere dei propri parametri di stampa, a causa dei pigmenti o delle aggiunte al suo interno. Inoltre, anche diverse stampanti potrebbero richiedere delle correzioni nei parametri forniti.

In generale i parametri utilizzati per i filamenti in ABS sono:

Temperatura di stampa220 – 230°C
Temperatura del bed100°C
Velocità di stampa40 – 50 mm/s (o superiore)
Distanza di retrazione6
Velocità di retrazione35 mm/s
Velocità della ventola0-100%

I due difetti che caratterizzano l’ABS sono quelli dell’imbarcamento (warping) della base ed il distaccamento dei layer. Nel primo caso, l’ABS essendo altamente resistente alle alte temperature tende a staccarsi dal piatto di stampa all’avanzamento in altezza della stampa. Consigliamo vivamente l’utilizzo di prodotti appositi, come il DimaFIX, e di mantenere la temperatura del piatto a 100°C. Il secondo problema è causato dalla suscettibilità di questo materiale a cambiamenti di temperatura improvvisi o a correnti d’aria. Per risolvere il problema abbassare la velocità di stampa e della ventola; se questo non basta dovete chiudere la vostra stampante, rendendola a camera chiusa.

Come viene utilizzato l’ABS al di fuori della stampa 3D

L’ABS viene utilizzato sopratutto nell’estrusione ad iniezione per la produzione di elettrodomestici e giocattoli, come i famosissimi mattoncini Lego.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *